Noi e l'altro

  • Scritto da C.S
  • Hits: 630

Nella storia della civiltà occidentale, qual è stato il rapporto con l'altro? In quale maniera gli europei entrarono in contatto e si rapportarono con culture diverse dalla propria? Ci offre un buono spunto di riflessione Tzvetan Todorov ne "“La conquista dell'America". Il problema dell'altro” il quale, prendendo in esame il periodo storico che corrisponde all'incirca al centinaio di anni dopo il primo viaggio di Cristoforo Colombo, afferma: "La civiltà occidentale, dimenticando l'estraneità dell'altro esteriore, si trovava un altro interiore. Dall'età classica sino alla fine del romanticismo (cioè fino ai giorni nostri), gli scrittori e i moralisti non hanno cessato di scoprire che la persona umana non è una, o che addirittura non esiste, che l'io è un altro o una semplice camera a eco. Non si crede più all'esistenza degli uomini bestia nella foresta, ma si è scoperta la bestia nell'uomo, “questo misterioso elemento dell'anima che non sembra riconoscere alcuna giurisdizione umana, ma che, nonostante l'innocenza dell'individuo in cui essa alberga, sogna orribili sogni e mormorai pensieri più proibiti” (Melville, Pierre, o delle ambiguità, IV,2). L'instaurazione dell'inconscio può essere considerata come il punto culminante di questa scoperta dell'altro in noi stessi. (Tzvetan Todorov, “La conquista dell'America”, pag.301, ed. Einaudi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Contatti

+039 0516951101
 
redazione@ilcastellano.net

 

 

        Coming soon

 

I contenuti pubblicati in queste pagine sono protetti dalla normativa vigente in materia di tutela del diritto d'autore, legge 633/1941 e successive modifiche ed integrazioni.
È vietata per qualsiasi fine o utilizzo, la riproduzione integrale su internet e su qualsiasi altro supporto cartaceo e/o digitale senza la preventiva autorizzazione.
Immagini, grafici e testi, in originale, riprodotti o tradotti, appartengono ai rispettivi proprietari.

Newsletter

Mantieniti in contatto con noi. Vuoi rimanere aggiornato sulle offerte e novità de il Castellano.net? Iscriviti alla nostra newsletter!